Print Friendly, PDF & Email

Due occasioni in una: la richiesta di una “amica virtuale” e la commemorazione di una “ferita” sempre aperta in una delle più belle città del mondo…

Era da tempo che meditavo di provare la versione cupcake della famosa Boston Cream Pie. Nei miei giorni “americani”, diversi anni fa, mi cimentavo nella realizzazione classica della torta – e ogni volta aveva un gran successo. Poi è arrivata la richiesta di Zavorrina, e come resistere?

Dosi per 12 cupcake:

80 gr di burro, a temperatura ambiente

175 gr di zucchero bianco

1 uovo grande, a temperatura ambiente

2 cucchiaini di estratto naturale di vaniglia

190 gr di farina 00

1 cucchiaino e 1/2 di lievito per dolci

1 pizzico di sale

150 gr di latte intero

Per la crema pasticcera:

4 tuorli grandi

120 gr di zucchero bianco

50 gr di fecola di patate

1 pizzico di sale

1/ 2 litro di latte intero

1 cucchiaino di estratto naturale di vaniglia

Per la ganache al cioccolato:

170 gr di cioccolato fondente, tagliato a pezzetti

80 gr di panna liquida da montare

Comincio a preparare la crema pasticcera, visto che deve rimanere in frigo per almeno un paio d’ore. In una ciotola, aiutandomi con una frusta metallica a mano, sbatto i tuorli fino a farli diventare un composto liscio e omogeneo:In un pentolino unisco lo zucchero, la fecola di patate, il sale e – mescolando continuamente – verso a filo il latte. Metto il pentolino sul fuoco e, sempre mescolando, faccio cuocere fino a quando il composto sia diventato denso e si vedono comparire le prime bolle, circa 5 minuti.

Mescolando continuamente con la frusta metallica a mano, verso lentamente 1/3 del composto di latte nei tuorli. In questo modo si temperano le uova e si evita che diventino “strapazzate” (!):Verso questo composto nel pentolino con la rimanente miscela di latte e rimetto tutto sul fuoco. Porto a ebollizione e cuocio fino a quando la crema è diventata consistente. Faccio passare la crema attraverso un colino a maglie fini, per eliminare qualsiasi grumo, copro la superficie con una pellicola e la trasferisco in frigorifero per almeno 2 ore.

Comincio a preparare l’impasto per i cupcake. Preriscaldo il forno a 180°. Imburro e infarino una teglia da muffin e la metto da parte. In una ciotola setaccio la farina, il lievito e il sale. In una tazza graduata combino il latte e l’estratto naturale di vaniglia. Usando il mio mixer KitchenAid, dotato di frusta piatta e a velocità medio/alta, cremo il burro e lo zucchero fino ad ottenere un composto chiaro e spumoso. Aggiungo l’uovo, mescolando bene. Riduco la velocità del mixer a lenta e unisco, alternandoli, il composto di farina e quello di latte – iniziando e terminando con la farina.

Aiutandomi con una paletta da gelataio, verso una pallina di impasto all’interno di ciascun alveolo e faccio cuocere per circa 20 minuti (vale la prova stuzzicadenti!):A cottura ultimata, estraggo la teglia dal forno e la lascio riposare per 10 minuti:Usando una spatolina o un contello estraggo i tortini dalla teglia e li lascio raffreddare completamente su una gratella:Preparo la ganache al cioccolato: in un pentolino porto a ebollizione la panna liquida. Trasferisco il cioccolato a pezzetti in una ciotola, dove poi verso la panna bollente, e attendo qualche minuto. Con una spatola mescolo lentamente fino a quando il cioccolato è sciolto e il composto è cremoso e lucido:Con l’aiuto di un coltello seghettato, taglio i tortini a metà trasversalmente:Verso un cucchiaio di crema pasticcera nella metà inferiore:Copro con la calottina superiore e termino facendo colare circa un cucchiaio di ganache al cioccolato: Per quest’ultima operazione, trasferisco i tortini su di una gratella, posata sopra un foglio di carta da forno. Trasferisco le Boston Cream Pie in frigorifero per circa una mezz’oretta e poi le porto in tavola.

Nonostante siano di Boston, le dedico a una delle città più belle del mondo e al ricordo della sua ferita che probabilmente non si rimarginerà mai. Ma ricordare è importante….Buona domenica!

Con questo cupcake partecipo al contest “L’ora del tea” della mia amica Federica.